Vai al portale di AteneoTorna alla Homepage

Per approfondire su monitoraggio e valutazione

  • La valutazione quantitativa delle biblioteche: SimonLib e GIM (dicembre 2013)
    Slide del corso [accesso riservato]
  • Indagini qualitative in biblioteca (maggio 2011)
    Slide del corso [accesso riservato]

Valutazione quantitativa e qualitativa delle biblioteche

L'attività sistematica di monitoraggio delle attività del SBA ha inizio con il Piano triennale di sviluppo 2006/2009.
Da allora sono state svolte rilevazioni annuali della situazione delle biblioteche e due rilevazioni triennali dei carichi di lavoro del personale di area bibliotecaria.
Gli indicatori scelti per la rilevazione dei dati mirano ad evidenziare sia l'offerta di servizi di base sia quella dei servizi avanzati (Reference, risorse elettroniche, ILL e DD, formazione dell'utenza), nonché l'efficienza e l'efficacia nel perseguimento degli obiettivi del Sistema. Per quanto riguarda i carichi di lavoro, sono stati elaborati in modo autonomo un questionario per linee di attività e una batteria di indicatori.
Il sistema di monitoraggio, che si avvale dell'utilizzo del software Simonlib, viene inoltre largamente utilizzato per la predisposizione di dati aggregati richiesti periodicamente dagli organi di controllo e di gestione dell'Ateneo (Direzione pianificazione, Nucleo di valutazione), consorzi interuniversitari (CIPE, CARE) e sistemi nazionali di valutazione dei sistemi bibliotecari di ateneo (GIM).

Nel 2009/2010 il SBA Unimore ha partecipato ai lavori del progetto Good Practice che ha per capofila il Politecnico di Milano.

Nello stesso periodo il SBA, facendo parte del comitato di gestione di GIM-Gruppo interuniversitario per il monitoraggio delle biblioteche accademiche italiane, partecipa ai lavori della Rilevazione nazionale 2011 (dati 2010).

Insieme con quella quantitativa, il SBA cura anche la dimensione qualitativa della valutazione delle biblioteche. Periodicamente, vengono condotte indagini di customer satisfaction rivolte agli utenti e di people satisfaction rivolte al personale.

Numerose sono le occasioni in cui viene ribadita l’importanza della customer satisfaction: benchmarking interno, corsi di formazione per bibliotecari (vedi), partecipazione a gruppi di lavoro nazionali, quali il gruppo GIM sulla customer satisfaction conclusosi con la pubblicazione nell'agosto 2012 dell’ e-book La customer satisfaction nelle biblioteche delle università. Elementi teorici, linee guida e casi di studio. Maria Cristina Belloi è autrice del primo capitolo: La Customer Satisfaction in biblioteca.


Referenti:
Maria Cristina Belloi - CSBA (coordinatrice) mariacristina.belloi@unimore.it
Annamaria Alfonsi - CSBA

 

 

[Ultimo aggiornamento: 11/08/2016 11:48:30]